Home Blog

Tisana alla menta piperita: proprietà e benefici

0

Bere qualcosa di fresco e al contempo digestivo, è una delle necessità che prima o poi tutti proviamo. Vuoi per un pasto luculliano, vuoi per una particolare sensazione di affaticamento o calore, bere una tisana alla menta piperita potrebbe far bene a molti. Grazie al suo alto contenuto di mentolo, infatti, la menta piperita è una delle erbe più utilizzate ad ampio spettro e che può rivelarsi un vero toccasana in diversi momenti della giornata. Scopriamo insieme in questo articolo i benefici e le proprietà della tisana alla menta piperita e come prepararne una buonissima tra i fornelli delle nostre cucine.

tisana-alla-menta-piperita

Proprietà della menta piperita: quali sono e a cosa servono

La menta piperita è una pianta officinale molto diffusa, anche molti di noi la coltivano in casa. Deve la sua diffusione alle sue molteplici proprietà:

  • Depurative
  • Balsamiche e decongestionanti
  • Fluidificanti: utili, ad esempio, quando si è ammalati e si necessita di fluidificare muchi e catarro
  • Anestetiche: a contatto con la pelle o con le mucose, queste reagiscono con un immediato effetto vasocostrittore e poi vasodilatatore, che provoca un subitaneo modico effetto anestetico a livello locale
  • Antisettiche: grazie alla presenza dei preziosi polifenoli, la menta piperita può anche sortire effetti germicidi e anti-parassiti
  • Toniche ed energizzanti: soprattutto nel settore cosmetico viene utilizzata per rendere la pelle più tonica e fresca, a tutto favore di luminosità ed energia

Menta piperita: cosa contiene

Se a questo punto, dopo aver letto delle sue meravigliose proprietà, ti stai chiedendo cosa di magico contenga la menta piperita, ti sveliamo subito il mistero. Al suo interno troviamo:

  • Olii essenziali ricchissimi di mentolo
  • Vitamina C
  • Tannini
  • Flavonoidi
  • Acido fenolico
  • Acido caffainico
  • Enzimi

Non dimentichiamo mai l’importanza delle proprietà degli oli essenziali: utilizzati nell’Aromaterapia e per molti altri utilizzi, sono un mezzo davvero utile ed efficace per migliorare le funzioni e il benessere del nostro organismo.

tisana-alla-mentapiperita

Come preparare un ottima tisana

Oltre agli impacchi e all’utilizzo puro delle foglie di menta piperita, una delle modalità di assunzione più utilizzate, anche per comodità, è la tisana.

Preparare la tisana alla menta piperita è semplicissimo e avere in casa una scorta di questa magica erba officinale, ti salverà in non poche occasioni.

Partiamo subito da un dato di fatto: se non ti piace il gusto della menta non possiamo fare granché, ma una piccola possibilità a questa tisana ti consigliamo di darla comunque.

Si tratta di una tisana dalle proprietà digestive e altamente dissetanti che può essere bevuta sia fredda che calda, ma anche a temperatura ambiente, per gli indecisi.

Si può preparare sia con la menta piperita fresca che con le foglie secche, che sono certamente di più facile conservazione e acquistabili direttamente in erboristeria.

Il quantitativo che ti suggeriamo è di 15 g di foglie per ½ litro d’acqua.

Una volta giunta a bollore l’acqua, spegni il fuoco e metti in infusione le foglie di menta per 5-6 minuti, quindi filtra con un colino a maglie strette e bevi calda o lascia freddare.

Puoi aggiungere alla tua tisana alla menta piperita anche altre erbe, dopodiché, è possibile dolcificare a piacere. È ottima e ancor più rinfrescante anche con un po’ di succo di limone.

Recensione SIMBR Aerosol Portatile con Nebulizzatore Ricaricabile: caratteristiche e funzioni

0

L’aerosol è uno strumento davvero utile ed essenziale per tutti coloro che devono curare polmoniti, allergie e altri disturbi simili che colpiscono le vie respiratorie. Grazie alla sua capacità di nebulizzazione, infatti, è possibile inalare, in maniera facile ed efficace, un medicinale specifico utile a liberare e curare le vie respiratorie. Nel seguente articolo, vi mostreremo la recensione del SIMBR Aerosol Portatile con Nebulizzatore Ricaricabile, un apparecchio aerosol molto venduto e che ha riscontrato numerosi consensi anche in blog specifici del settore come, ad esempio, MigliorAerosol.it. In questo modo, potrete scoprine tutte le caratteristiche e i vantaggi e capire se sia il macchinario aerosol giusto per voi e la vostra famiglia.

SIMBR-Aerosol-Portatile

Packaging: cosa troviamo all’interno della confezione

Innanzitutto, scopriamo cosa troviamo all’interno della confezione del SIMBR Aerosol Portatile con Nebulizzatore Ricaricabile:

  • unità principale
  • maschera per adulti
  • maschera per bambini
  • boccaglio
  • cavo USB
  • borsa per il trasporto
  • libretto delle istruzioni multilingue

Opinioni SIMBR Aerosol portatile

La nostra recensione sul SIMBR Aerosol Portatile è molto ottimista.

Infatti, in molti sostengono che questo modello ha importanti vantaggi, quali:

  • praticità
  • leggerezza
  • facilità di trasporto

Inoltre, la comodità di funzionare senza corrente, perché dotato di batteria ricaricabile, lo rende perfetto per essere utilizzato praticamente ovunque.

Il prodotto, inoltre, è molto apprezzato dai bambini sia per le sue dimensioni minute, sia per l’assenza di rumore.

Tecnologia Micro-Mesh

Questo apparecchio elettrico si basa sulla tecnologia micro-mesh, in grado di produrre una quantità maggiore di aerosol rispetto alla tecnologia tradizionale.

Inoltre, l’apparecchio non crea il pericolo di intiepidire il farmaco: quest’aspetto è fondamentale per poter beneficiare di una terapia sempre efficace al 100%.

SIMBR-AerosolPortatile

Tanti benefici, un unico inconveniente

Dalle varie opinioni ricevute sul SIMBR Aerosol Portatile, non sono stati riscontrati grandi elementi negativi ad eccezione di uno: la borsa che lo contiene risulta essere poco robusta e quindi richiede un po’ di attenzione e cura nel maneggiarla.

Pulizia di SIMBR Aerosol Portatile: perché farla

Come in ogni apparecchio aerosol ,è necessaria sempre un’accurata disinfettazione. Le motivazioni sono varie:

  • in primo luogo, vengono disintegrati i residui di altri medicinali, evitando la nascita di infezioni batteriche
  • si garantisce a chi ne fa uso una corretta ed efficace nebulizzazione al fine di ottenere e ottimizzare i risultati

Per queste due importanti ragioni è necessario eseguire, con accortezza e scrupolo, la procedura che gli esperti suggeriscono per la disinfettazione e pulizia del macchinario.
Nel seguente paragrafo vi mostreremo tutti i singoli passaggi.

Pulizia e disinfettazione: i passaggi da seguire

Ecco, di seguito, un elenco dettagliato su come pulire accuratamente l’apparecchio aerosol, in poche e semplici mosse:

  1. Alla fine di ogni applicazione scomporre le varie componenti
  2. Sciacquare ogni accessorio
  3. Avvolgere l’ampolla in una tela igienica
  4. Riporre il tutto in un contenitore privo di umidità
  5. Prima di ogni utilizzo ricordate di verificare che il foro (dal quale fuoriesce il vapore nebulizzante) non sia ostruito. Qualora lo fosse provvedete a liberarlo
  6. Sostituire costantemente i filtri dell’aria dopo aver utilizzato l’apparecchio (leggere le indicazioni sul libretto delle istruzioni)

Infine, secondo le opinioni SIMBR Aerosol portatile bisognerebbe effettuare controlli periodici anche sul compressore dei nebulizzatori pneumatici, ovviamente, tutto secondo le indicazioni presenti nel libretto.

Olio da barba: a cosa serve il prodotto più utile secondo gli esperti

0

La barba è un “accessorio di bellezza” sempre più popolare in questi ultimi anni. Sono tanti infatti gli uomini che prediligono uno stile hipster o una barba lunga fino al petto.

Ma come ogni parte del corpo, questa necessita di cura quotidiana. Sono tante infatti le accortezze da prendere, e tanti i prodotti da acquistare: spazzola, pettine, rasoio, forbici, cera, shampoo ma il prodotto più popolare (ed utile) è senza dubbio l’olio da barba.

In commercio ne esistono a migliaia, ma non sono tutti uguali visto che in base agli ingredienti cambia anche il beneficio che si ottiene. L’olio in primis può servire per ammorbidire la barba, riducendo al minimo il prurito, ma anche per nutrirla ed idratarla, mantenendola così in salute giorno dopo giorno, evitando forfora ed altri inconvenienti simili.

Non si tratta di uno strumento secondario, ma di un must-have. Abbiamo avuto il piacere di parlare con Fabrizio Decarli, barbiere e fondatore del blog Contropelo.net, il quale ha definito l’olio da barba come un prodotto “dalle molteplici proprietà benefiche, in grado di profumare, nutrire, fornire un’estrema morbidezza ed evitare pruriti alla barba”.

Detto questo, vediamo in questo articolo come scegliere un olio da barbare, secondo alcuni specifici fattori, quindi quali sono i migliori sul mercato.

Come scegliere l’olio da barba

Scegliere un olio da barba significa selezionare quello più adatto alle proprie esigenze perché si, non sono tutti uguali e non abbiamo tutti le stesse necessità. Ad esempio ne esistono di diverse fragranze e, chiaramente, non abbiamo tutti i gusti. Ma questo non è affatto un fattore primario: benché sia quello più manifesto, è bene considerare prima altre caratteristiche molto più funzionali.

Come abbiamo scritto nell’introduzione, l’olio da barba serve per tenere in saluto, appunto, la barba, nutrendola e ammorbidendola. Pertanto è importante scegliere oli con ingredienti naturali, in grado di assecondare questi scopi, con minerali e vitamine (la E è una delle principali per questo tipo di prodotti). Preferite quindi quelli a base di oli essenziali (jojoba, argan e mandorle i più popolari).

Al contrario eliminate dal vostro carrello quelli con ingredienti non naturali, come siliconi, petrolati e parabeni che, oltre a non avere una funzione nutriente, appesantiscono la barba, ungendola. L’olio si deve assorbire velocemente!

Migliori oli da barba da acquistare

Ribadiamo che in commercio ne esistono a migliaia, pertanto scegliere i migliori potrebbe non essere così scontato all’inizio. In questo paragrafo abbiamo cercato di fare una nostra selezione, scegliendone e consigliando una manciata che, a nostro avviso, garantiscono un ottimo rapporto qualità prezzo.

Al primo posto non possiamo non nominare l’olio da barba Proraso, il più popolare e venduto in Italia, ma questo non è un caso. Si tratta di un prodotto dall’INCI composto da ingredienti naturali:

  • Olio di semi di girasole: azione antiossidante;
  • Olio di avocado: azione idratante ed emolliente;
  • Olio di macadamia: contrasta la disidratazione;
  • Olio di mallo di noce: azione revitalizzante e rigenerante;
  • Estratto di foglia di Eucalipto: esfoliante per la pelle;
  • Olio essenziale della menta piperita: azione rinfrescante e disinfettante;
  • Vitamina E acetato: proprietà antiossidante;
  • Fenolo alchilato: ritarda l’irrancidimento degli oli vegetali.

Si tratta di un olio nutriente che conferisce, anche grazie alla sua fragranza, freschezza alla barba e alla pelle. Proraso è una delle aziende leader nel panorama mondiale, e questo è uno dei prodotti cardine per i barbuti.

Un altro olio da barba che ci sentiamo di consigliare è L’ORFEO dell’azienda italiana Opera74. Si tratta di un prodotto dal costo più elevato rispetto alla media di mercato, ma caratterizzato da prodotti naturali anti-age, come l’olio essenziale di zenzero, e idratanti e antistress, come l’olio di argan e l’estratto di valeriana. Ci piace perché non appesantisce la barba, donando lucentezza e soprattutto freschezza.

L’ultimo prodotto che ci sentiamo di consigliare è senza dubbio l’olio da barba Sir Beardalot, uno tra i più venduti su Amazon. Anche questo dagli ingredienti naturali (olio di Jojoba, cocco, rosa canina, vinaccioli, vitamina E, legno di rosa, patchouli e scorza di mandarino), si contraddistingue per la sua freschezza, pertanto lo consigliamo a chi fosse alla ricerca di un prodotto da usare senza paura d’estate.

Mentolo puro: le sue proprietà, gli usi e le controindicazioni

0

Il mentolo puro, estratto dall’olio essenziale di menta piperita, è utilizzato in svariati modi: lo troviamo in profumeria, nella preparazione di farmaci, in ambito alimentare e in molte altre svariate preparazioni. Scopriamo maggiori dettagli.

mentolo-puro

Cos’è il mentolo puro

Si tratta di un solido bianco, composto da cristalli allungati e dal tipico odore di menta.

Mentre le foglie di menta erano già utilizzate come medicinale da Egizi, Greci e Romani, il mentolo ha impiegato maggior tempo.

Nonostante sia stato identificato come sostanza già da oltre duemila anni in Giappone, è infatti solo nel diciottesimo secolo che, il chimico tedesco Hieronymus David Gaubius riesce a elaborare un metodo per isolarne la sostanza e realizzare i primi cristalli, aprendone la strada all’utilizzo in ambito moderno.

mentolopuro

Per cosa viene utilizzato il mentolo

Il mentolo è presente in numerosi preparati farmaceutici per la cura di:

  • mal di gola
  • decongestione delle vie respiratorie
  • strappi muscolari, mal di testa e scottature grazie al suo blando effetto analgesico unito alla sensazione rinfrescante
  • migliorare la digestione
  • alleviare la sindrome del colon irritabile
  • ridurre l’aria nella pancia

I cristalli di mentolo, sciolti in acqua bollente, possono essere utilizzati per suffumigi efficaci nel curare raffreddori, oppure, all’interno di una sauna per aggiungere all’effetto del vapore quello rinfrescante del mentolo.

In profumeria è usato disciolto in alcool o olio per il suo profumo, oppure, per aumentare la sensazione di freschezza (talco mentolato).

Nessun prodotto trovato per "B0747W3X5H".

Altri usi del mentolo puro

Nella produzione di alimenti il mentolo è usato spesso come additivo alimentare (caramelle, chewing-gum, dolci).

Si trova, inoltre, spesso in dentifrici e colluttori sia per questioni di gusto sia per le sue proprietà rinfrescanti e decongestionanti.
Sempre per le sue note caratteristiche rinfrescanti e decongestionanti è usato come additivo in sigarette e liquidi per sigarette elettroniche.

In apicoltura è invece utilizzato come antiparassitario naturale per contrastare il Varroa destructor, un acaro responsabile di gravi ripercussioni economiche sull’industria del miele (può portare alla morte di intere colonie).

controindicazioni-mentolo-puro

Controindicazioni e precauzioni

Il mentolo puro, pur essendo una sostanza estremamente utile nei più svariati campi, deve essere maneggiato con attenzione.

In quanto puro è infatti irritante per la pelle, per gli occhi e per le mucose.

Ad esempio, la percentuale di mentolo puro presente nel talco mentolato è circa dell’1%, eppure, se ne sconsiglia l’utilizzo su bambini molto piccoli perché se inalato potrebbe portare a broncospasmo.

Preparati al mentolo o contenenti mentolo possono inoltre essere controindicati in chi soffre di reflusso gastroesofageo, patologie del fegato o dei reni e in chi è affetto da favismo.

Anche la conservazione dei cristalli deve essere effettuata in maniera prudente, soprattutto in presenza di bambini: la dose letale per ingestione è infatti di pochi grammi di cristalli.

I raggi del sole: cosa sono i raggi UV e perché proteggersi

0

Tutti amiamo il sole perché è caldo, ci fa abbronzare e fa bene alle ossa. Tuttavia, se ci esponiamo in modo scorretto rischiamo di danneggiare la nostra pelle a causa dei raggi del sole, più precisamente detti raggi UV. Scopriamo dunque come agiscono questi raggi sulla nostra pelle e come e perché bisogna proteggersi.

i-raggi-del-sole

Cosa sono i raggi UV?

I raggi ultravioletti compongono circa un decimo dell’intera luce solare. Consistono in radiazioni elettromagnetiche, invisibili a occhio nudo ma potenzialmente pericolose.

Con l’aumentare dell’intensità della luce solare, aumenta di pari passo anche la potenza dei raggi UV: il picco si raggiunge quando il sole è più alto ed è maggiormente vicino alla Terra, concentrandosi nelle ore più calde del giorno e nei mesi estivi.

Inoltre, elementi come neve, acqua e sabbia riflettono la luce solare: di conseguenza l’intensità dei raggi UV può aumentare anche di molto.

iraggi-del-sole

Tre diverse tipologie di raggi UV

Esistono tre tipologie di raggi UV.

  • I raggi UVA compongono quasi la totalità degli ultravioletti (95%) e sono in grado di entrare in profondità nella pelle, di creare danni al collagene del derma e di accelerare lo stress ossidativo (poiché accrescono l’attività dei radicali liberi)
  • I raggi UVB arrivano solo fino all’epidermide e sono i fautori dell’abbronzatura; tuttavia, possono causare anche ustioni e scottature
  • I raggi UVC sono i più pericolosi ma, non riuscendo ad arrivare fin sulla Terra, non sono motivo di preoccupazione

Nessun prodotto trovato per "B01JOS40B8".

Perché proteggersi dal sole

I motivi per cui è indispensabile proteggersi dai raggi del sole sono molteplici.
E’ sicuramente molto importante farlo per evitare di incorrere in conseguenze spiacevoli sia a breve sia a lungo termine.

Tra i problemi che il sole può arrecare a breve termine troviamo:

  • macchie scure
  • eritemi
  • scottature
  • ustioni della pelle

Le ustioni, in particolare se subite in giovane età, possono intaccare la struttura cutanea ed esporla al rischio di malattie più gravi.

Tra i danni a lungo termine, invece, si possono annoverare:

  • il foto-invecchiamento della pelle
  • l’insorgenza di tumori cutanei (di cui il melanoma maligno è il più aggressivo)

La probabilità di sviluppare queste patologie aumenta se: abbiamo subito ripetute ustioni solari, se abbiamo pelle, occhi e capelli chiari e se si vive in una zona molto battuta dal sole.

Inoltre, i raggi UV non hanno effetti solo sulla pelle: con il passare del tempo possono, ad esempio, gravare sugli occhi sviluppando la cataratta, oppure, inaridire le labbra facendo insorgere rughe profonde.

i-raggi-delsole

Come proteggersi dai raggi del sole

Esistono alcuni accorgimenti semplici ma efficaci per proteggersi dai raggi solari.

Il primo fra tutti è, ovviamente, la crema solare: bisogna scegliere il fattore di protezione più adatto a sé in base al proprio fototipo di pelle.

Inoltre, la crema solare deve essere applicata almeno 15 minuti prima di esporsi al sole, ripetendo l’operazione più volte al giorno.

Altri buoni metodi di protezione riguardano l’abbigliamento: un buon cappello e dei vestiti leggeri e asciutti forniscono un’adeguata barriera contro i raggi del sole.

È molto utile proteggere il viso, servendosi di occhiali da sole e un burro-cacao dotato di filtro UV.

Infine, stare all’ombra durante le ore più calde della giornata è sicuramente sempre una buona regola.

Massaggio olistico antistress: in cosa consiste e i benefici che apporta

0

Quando si parla di massaggio olistico antistress si fa riferimento ad una pratica che ha come fine il ritrovamento dell’equilibrio tra corpo e mente. Scopriamo nel dettaglio alcune informazioni utili su come e quanto sia efficace questa tipologia di massaggio e se sono davvero “sentiti” i benefici che dovrebbe apportare.

massaggio-olistico-antistress

Che cos’è un massaggio olistico antistress

Il termine olistico deriva dalla parola greca òlos, che significa “tutto”: esso viene utilizzato per indicare la cura dell’organismo umano nella sua interezza, ovvero, prendendo in considerazione i quattro piani dello sviluppo personale:

  • fisico
  • mentale
  • spirituale
  • emozionale

Il principio di unione tra corpo e mente trovano fondamenta proprio in questa tipologia di massaggio.

Ispirato in parte alla tradizione orientale, il massaggio olistico antistress presenta dei tratti in comune con il micro-massaggio cinese e con le discipline rilassanti e di riequilibrio come è, ad esempio, lo yoga.

Per liberare la mente e il corpo dallo stress, il massaggio olistico si concentra principalmente sui punti energetici, meglio conosciuti come “Chakra“:

  • scioglie tensioni e blocchi che si sono accumulati in questi punti
  • dona una generale e totale sensazione di benessere
massaggio-olisticoantistress

Come viene praticato il massaggio olistico

Non esistono delle linee guida assolute nella realizzazione di un massaggio olistico antistress.

Questo perché, innanzitutto, lo stress è una condizione che, pur essendo molto comune nella società moderna, tende a manifestarsi in modo diverso da persona a persona.

L’assenza di un protocollo specifico non impedisce però di individuare alcuni elementi base per la pratica di un buon massaggio olistico:

  • una seduta di circa 50-60 minuti in media
  • la presenza di un lettino e l’utilizzo di oli
  • la creazione di un ambiente rilassante

La seduta inizia generalmente con la creazione di un contatto empatico tra la persona e il professionista che effettua il massaggio: solo dopo aver ascoltato la persona e aver colto i segnali del suo corpo, l’operatore è infatti in grado di definire un trattamento personalizzato.

Per aiutare la persona a raggiungere il giusto grado di rilassamento, il professionista può inoltre ricorrere all’uso contemporaneo di altre tecniche, come, ad esempio, l’aromaterapia o la cromoterapia.

massaggioolisticoantistress

I benefici del massaggio olistico antistress

I benefici derivanti dal massaggio olistico si possono suddividere in tre categorie. Si distinguono infatti benefici a livello:

  • psicologico
  • muscolare
  • relativi alla pelle

Dal punto di vista psicologico è possibile notare sia un miglioramento dell’umore, sia l’acquisizione di una maggiore consapevolezza del proprio corpo che, di conseguenza, conduce ad un innalzamento dei livelli di autostima.

A livello muscolare, il massaggio olistico antistress aiuta ad affievolire le tensioni fisiche come, ad esempio, gli spasmi e le contratture muscolari, il mal di schiena o i crampi.

Fortemente connesso al livello muscolare è, inoltre, quello organico in generale, che evidenzia un miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica.

Ultimi, ma non per importanza, sono invece i benefici relativi alla pelle, la quale risulta immediatamente purificata e distesa, grazie all’eliminazione delle cellule morte e all’utilizzo degli oli che nutrono l’epidermide in profondità.

Latte d’Asina: proprietà e benefici

0

Il Latte d’Asina, grazie al suo sapore delicato e leggermente dolce, è l’alimento di origine animale con le caratteristiche che si avvicinano maggiormente a quelle del latte materno. Scopriamone tutte le proprietà, i benefici e gli usi.

latte-dasina

Un’ottima alternativa al latte materno

Rispetto al latte prodotto da altre specie animali, il latte d’Asina è particolarmente adatto ad integrare l’allattamento dei neonati, specialmente, in caso di neonati prematuri.

Questo latte, infatti, rappresenta una valida alternativa al latte della mamma: oltre al buon sapore, il contenuto di lattosio e di proteine presente nel latte d’Asina si avvicina molto a quello del latte umano.
La presenza di minerali è elevata. Questo latte è ricco di:

  • calcio (indispensabile per la mineralizzazione delle ossa dei bambini)
  • magnesio
  • fosforo
  • sodio
  • potassio

Un alimento perfetto per chi è allergico al latte vaccino

Essendo particolarmente ricco di lattosio, il latte d’Asina deve essere evitato dai soggetti intolleranti a questo zucchero mentre, al contrario, viene incontro alle esigenze di chi è allergico alle proteine del latte vaccino.

Le vitamine C e D sono presenti in buona quantità al contrario dei grassi che, rispetto a quelli contenuti nel latte umano, sono decisamente scarsi.
Proprio questa ragione, se utilizzato per il nutrimento di bambini non ancora svezzati, viene integrato e corretto con il giusto apporto di lipidi.

proprietà-latte-dasina

Omega 3 e pro-biotici per il benessere dell’organismo

Il Latte d’Asina offre delle caratteristiche nutrizionali molto migliori rispetto a quelle del latte vaccino.

I grassi insaturi sono di gran lunga superiori a quelli saturi e, in particolare, sono presenti alte dosi di:

  • acido eicosapentaenico
  • acido alfa-linolenico
  • Epa Omega 3

Questi tre elementi sono davvero irrinunciabili per il funzionamento ottimale del nostro organismo.

La forte presenza di Omega 3, tra l’altro, rende il latte prodotto dalle asine decisamente indicato per proteggere dalle malattie cardiache.
Chi, invece, soffre di problemi intestinali potrà beneficiare della presenza dei probiotici, microrganismi indispensabili per riequilibrare la flora intestinale.

Nessun prodotto trovato per "B07P96TGHL".

A chi si consiglia questo latte

Oltre ad essere una valida alternativa di latte per i neonati e i bambini, il consumo quotidiano di questo latte dalle proprietà eccezionali viene consigliato a:

  • persone anziane e debilitate
  • sportivi
  • convalescenti
  • donne in menopausa

Il suo alto contenuto di calcio, reso ancora più disponibile dall’associazione con il lattosio, lo rende eccellente per prevenire l’osteoporosi.

lattedasina

Per la bellezza della pelle fin dai tempi di Cleopatra

Fin dall’antichità il Latte d’Asina è noto per le sue proprietà cosmetiche.

Un incredibile mix di vitamine, oligo-elementi e lisozima regalano alla pelle un effetto liftante e tensore, la nutrono, la idratano a fondo agendo anche da antirughe e da anti-smagliature.

Il latte delle asine sembra anche essere in grado di stimolare la produzione di:

  • collagene
  • elastina
  • fibroblasti
  • retinolo

Riequilibra il film idrolipidico, combatte lo stress ossidativo e incrementa il turgore e l’elasticità della cute.

Inoltre, risulta indicato per qualsiasi tipo di pelle, in particolar modo per quelle con tendenze allergiche, rivelandosi un ottimo alleato anche per contrastare rossori e irritazioni da sfregamento.

Infatti, la crema a base di questo latte è molto indicata per prevenire alcune patologie cutanee come eczema e psoriasi e per combattere le irritazioni da pannolino dei neonati.

Recensione su EySkin: tutte le proprietà e i benefici

0

EySkin è una crema realizzata per idratare, nutrire ed ammorbidire la pelle nella zona “contorno-occhi”. Questa crema sta avendo un notevole successo nel mondo dei cosmesi: le proprietà e gli effetti benefici che il prodotto ha nella zona trattata sembra essere molto positiva.

Molte sono le donne, infatti, che affermano come questa crema sia in grado di rassodare e rigenerare la pelle intorno agli occhi, donando al proprio sguardo nuova giovinezza e vigore. Scopriamo dunque, attraverso la nostra dettagliata recensione su EySkin, tutte le caratteristiche e le proprietà di questo nuovo prodotto emergente nel mercato online e che cosa ne pensa la gente.

recensione-su-eyskin

Ingredienti 100% naturali

Questo prodotto vanta di ingredienti esclusivamente naturali. Pertanto è una crema non soggetta a controindicazioni e che non determina l’insorgenza di allergie.

EySkin è composta da:

  • Estratto d’Ananas
  • Estratto di Guaranà
  • Vite Rossa
  • Microsfere
  • Antiossidanti

Un prodotto, dunque, 100% naturale.

Cosa non contiene EySkin

Oltre all’uso di ingredienti biologici certificati, a confermare una totale sicurezza di questa crema, è l’assenza di elementi nocivi. La crema infatti è:

  • senza parabeni
  • priva di glutine
  • senza allergeni
  • priva si SLS, SLES

Il Made in Italy di questo prodotto, inoltre, è un ulteriore conferma del rispetto alle norme previste sui prodotti di cosmesi, all’uso di elementi di qualità e all’impiego di tecnologie avanzate, ben tenute e gestite.

Ovviamente, il prodotto non è stato testato sugli animali. 

Acquista ora

Recensione su EySkin: proprietà ed effetti benefici

Come effetti benefici di importante rilievo, sono stati menzionati:

  • la riduzione delle rughe
  • l’attenuarsi delle occhiaie
  • uno sgonfiore notevole nella zona sotto gli occhi
  • il miglior colorito e lucentezza della pelle

Questa crema è talmente ricca di antiossidanti che, oltre al contorno occhi, può essere usata anche su tutto il viso.

Scopriamo più accuratamente come agiscono, in questo senso, gli ingredienti naturali presenti all’interno di EySkin.

Come agiscono gli elementi naturali di EySkin: azione mirata

Questa crema risulta essere davvero ottima per attenuare occhiaie e borse che si creano sotto gli occhi. I suoi ingredienti naturali operano efficacemente sulla pelle, scopriamo più dettagliatamente come:

  • l’ananas contiene bromelina, un potente antinfiammatorio naturale in grado di contrastare e migliorare la situazione del nostro contorno occhi
  • la vite rossa contiene bioflavonoidi che agisce come antiossidante, antiedemigena e anti infiammante
  • la caffeina contenuta all’interno dell’estratto di Guaranà ha sempre proprietà antiossidanti

Tutti questi elementi naturali aumentano la permeabilità capillare, migliorano il micro-circolo e di contrastano i radicali liberi.

Un prodotto adatto a tutti

La crema EySkin è un prodotto che può essere utilizzato sia dalle donne, sia dagli uomini.

Le sue proprietà sono così benefiche che entrambi i sessi possono trarne enormi benefici.

recensione-eyskin

Opinioni sul prodotto testato

Francesca, 48 anni: “Ho sentito parlare di questa crema da alcune amiche. Ne vantavano le ottime proprietà e gli effetti prodotti. Allora ho pensato: perché non provare anch’io? E dopo averla provata, posso affermare che è stato proprio un ottimo acquisto”

Martina, 35 anni: ” Per la mia carnagione chiara ho sempre sofferto i pesanti segni presenti sotto ai miei occhi. A prescindere da quanto dormivo o da quanto ero riposata erano sempre lì e per coprirli, a volte, il trucco non era neanche sufficiente… Parlo al passato perché, grazie a questa crema, la situazione è migliorata sensibilmente e ad oggi mi basta un solo tocco di trucco per far sparire borse e occhiaie completamente!”

Stefania, 42 anni: ” Un acquisto davvero eccellente! Sono davvero soddisfatta dei risultati ottenuti dall’utilizzo di questa crema. Vale la pena provare!”

Acquista ora

Come acquistare il prodotto

La crema EySkin è disponibile esclusivamente online sul sito ufficiale.

Per richiedere la crema sarà sufficiente compilare il modulo presente in fondo alla pagina del sito e presto riceverai una telefonata da una loro consulente di bellezza.

Il prodotto ha un costo di euro ma, è in corso una promozione che vede il prodotto ad un costo ribassato di soli euro.

La consegna è GRATUITA ed è possibile pagare direttamente alla CONSEGNA del prodotto.

Cos’è la ceramide? proprietà e funzioni

0

La ceramide è una sostanza di natura lipidica situata nelle cellule epidermiche basali della pelle e nei fibroblasti dermici. Essa svolge un ruolo molto importante nella funzione di barriera dell’epidermide. Inoltre, essa svolge un ruolo importante anche nella difesa del cuoio capelluto: lo protegge e riempie le parti sfibrate dei capelli. Scopriamo dunque cos’è la ceramide con tutte le sue proprietà e funzioni.

cose-la-ceramide

Ceramide: importante per la pelle e per i capelli

Le ceramidi sono preziosi ingredienti per:

  • la salute della pelle
  • la bellezza dei capelli

Queste sostanze di natura lipidica già presenti nel nostro organismo, ed in particolare nell’epidermide, svolgono un’azione protettiva per la pelle e tengono legate insieme i corneociti, ovvero, le cellule epidermiche più esterne.

Per questo sono considerate come un vero e proprio cemento, in grado di mantenere il ruolo di barriera della pelle, proteggendola dagli agenti esterni.

Oltre a fungere da barriera della pelle, un’altra funzione importante delle ceramidi è quella di prevenire la perdita di acqua e impedire, di conseguenza, la disidratazione cutanea.

Le ceramidi sono inoltre efficaci nel:

  • regolare il rinnovamento dello strato corneo
  • contrastare i radicali liberi
  • rallentare l’invecchiamento cutaneo

I benefici della ceramide nei capelli

Anche nei capelli, le ceramidi esercitano funzioni molto importanti.

Infatti, sono essenziali per i capelli danneggiati:

  • proteggono
  • rinforzano la fibra capillare

Indicate per curare al meglio i capelli colorati, sono inoltre fondamentali per ridare luminosità alla capigliatura.

Come altri benefici apportati ai capelli, le ceramide rinforzano:

  • la struttura protettiva dei capelli
  • l’attaccamento delle fibre del capello
  • il cuoio capelluto

Ideali per rinforzare i capelli crespi, resi sfibrati dai trattamenti liscianti, le ceramidi per capelli sono perfette per ridisegnare i ricci ed avere capelli morbidi e leggeri.

cose-laceramide

Le ceramidi prodotte dal nostro organismo

Le ceramidi non sempre sono presenti nella pelle e nei capelli in quantità sufficiente per esplicare le loro funzioni.

Spesso, infatti, sono in quantità ridotte o addirittura assenti.

Di conseguenza, si può pensare che basti utilizzarle come ingredienti nella cosmesi di pelle e capelli per attivarne le funzioni.

Purtroppo, le ceramidi naturali non sono facili da estrarre e il loro costo elevato ne limita l’utilizzo a livello cosmetico.

cosela-ceramide

Cos’è la ceramide vegetale

Per esaudire la richiesta di questa sostanza così importante sono state create le ceramidi vegetali.

Si tratta di una miscela concentrata di lipidi che agiscono esattamente come quelle naturali e hanno gli stessi effetti protettivi e riparatori, sia sulla pelle che sui capelli.

Fra i prodotti vegetali contenenti elevati quantità di ceramidi troviamo:

  • lanolina
  • cera d’api
  • olio di jojoba
  • cera di carnauba

Tuttavia, da qualche tempo anche queste sostanze sono state accantonate. In sostituzione, troviamo prodotti creati tramite la sintesi di laboratorio, oppure, tramite le biotecnologie.

La ceramide 3, ad esempio, è una tipologia di ceramide polarizzata: composta da una molecola di fitosfingosina viene legata ad un gruppo acile e ad una molecola di acido stearico.

Utilizzata soprattutto in ambito cosmetico, essa è ideale per rafforzare la cute e mantenerla elastica, sana e compatta. Inoltre, è particolarmente efficace per combattere le rughe della pelle.

La ceramide-2, invece, è perfetta per sostituire le ceramidi naturali e contribuisce a migliorare lo stato dei capelli: li rinforza e appiattisce le cuticole sollevate.

Il fisioterapista: chi è, cosa fa e quando rivolgersi a questa figura professionale

0

La figura del fisioterapista è divenuta sempre più diffusa in quasi tutti gli ambiti sanitari, arricchendosi di specializzazioni e competenze specifiche. Si tratta di un professionista il cui intervento si rivela fondamentale in moltissimi casi, soprattutto, quando è necessaria una ripresa motoria e funzionale in seguito a particolari traumi. Vediamo nel dettaglio cosa fa un fisioterapista e il percorso che egli segue per poter svolgere questa professione.

Chi è il fisioterapista

Questa figura professionale fa riferimento ad un operatore sanitario specializzato nel compimento di manovre e manipolazioni mirate alla rieducazione posturale e alla riabilitazione di persone con problematiche motorie, dovute a: infortuni, malattie o all’invecchiamento.

Per intraprendere tale carriera è necessario seguire un apposito corso di laurea triennale. In questo percorso formativo, il futuro fisioterapistaapprende nozioni teoriche e pratiche. In seguito al conseguimento del titolo di studio è necessario seguire poi un tirocinio presso una struttura sanitaria.

Attraverso le competenze e gli esercizi, il professionista ha il compito di migliorare la vita dei pazienti, diminuendo lo stato doloso legato all’articolazione o alla condizione muscolare, aumentandone di conseguenza la flessibilità.

Successivamente, è possibile seguire diversi corsi per fisioterapisti mirati ad apprendere tecniche specifiche come, ad esempio, la manipolazione vertebrale.

Cosa fa la figura del fisioterapista

Quando riceve il paziente, l’operatore sanitario ha il compito di fare un’analisi preliminare dello stesso, informandosi sulla storia clinica del soggetto e approfondendo i motivi per i quali necessita del suo servizio.

Lo studio dell’anamnesi clinica del paziente è un momento particolarmente importante poiché è da qui che il professionista apprende i dati che gli permetteranno di selezionare gli esercizi da attuare.

Infatti, sebbene le manipolazioni siano sempre rivolte a una sorta di rieducazione posturale e alla riabilitazione, le attività del fisioterapista devono essere sempre attuate in base alle caratteristiche della persona e alle sue necessità.

All’atto pratico, l’operatore sanitario può effettuare:

  • massaggi a carico dei tendini, dei legamenti e dei muscoli contratti;
  • manipolazioni vertebrali in caso di lombalgie, cervicalgie, e molto altro;
  • manipolazioni delle altre articolazioni;
  • riscaldamenti per aumentare la circolazione del sangue in zone specifiche del corpo;
  • raffreddamenti per la riduzione di stati infiammatori in specifiche zone del corpo;
  • stimolazioni anche elettriche per una corretta contrazione del muscolo;
  • sedute di pressoterapia e agopuntura

Il ruolo di questo operatore si rivela di fondamentale importanza, quindi, per il recupero funzionale della propria libertà di movimento, che può essere compromessa in seguito a operazioni, traumi di ogni genere o dovute all’avanzare dell’età.

Altre caratteristiche del fisioterapista

Oltre alle competenze tecniche, fondamentali per il ruolo che svolge questa figura, è opportuno che il fisioterapista abbia anche una certa capacità interpersonale.

In questo modo egli potrà instaurare con i pazienti un rapporto basato sulla cordialità e sulla disponibilità, un aspetto che può rivelarsi davvero utile ed apprezzabile durante i vari trattamenti e, soprattutto, quando il professionista andrà ad “insegnare” al paziente gli esercizi che sarà tenuto a svolgere in via autonoma a casa. Spesso il processo di recupero, da parte del paziente, non è semplice da affrontare ed occorre pertanto un adeguata assistenza anche da un punto di vista psicologico.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.