Home / Salute / Gentalyn beta: cos’è e come utilizzarlo

Gentalyn beta: cos’è e come utilizzarlo

La crema Gentalyn Beta è un medicinale molto noto, dalle diverse proprietà ed indicazioni. Si tratta di un farmaco appartenente alla categoria dei corticosteroidi ed antibatterici, soggetti a prescrizione medica. Grazie al suo principio attivo di Betametasone e Gentamicina è utilizzata principalmente nella cura e terapia di patologie in ambito dermatologico. E’ infatti indicata nei casi di dermatite da contatto, dermatite seborroica, neurodermatite, dermatite esfoliativa e dermatite da stesi, così come nei casi di intertrigine, prurito, eczema, eritema solare e psoriasi.

gentalyn-beta

A cosa serve

La Gentalyn Beta è in grado di apportare sollievo e migliorare la condizione di diverse infiammazioni ed irritazioni della pelle, anche in caso di lesioni allergiche o infezioni batteriche. Più nello specifico, il farmaco serve ad effettuare il trattamento topico delle dermatosi allergiche o infiammatorie secondariamente infette o qualora esista il rischio di infezione. I suoi principi attivi assicurano risultati nel breve periodo. Pertanto, la crema si utilizza per assicurare un’azione battericida unita ad un’intensa attività antinfiammatoria, necessaria per ottenere una rapida regressione della sintomatologia.

Quando usarla

L’efficacia della Gentalyn Beta si è registrata principalmente nel trattamento di diverse dermatosi: pronti risultati si apprezzano nelle forme meno gravi o meno resistenti, comprese quelle che colpiscono estese zone del corpo, così come quelle croniche, che richiedono una terapia prolungata. Clinicamente molto validi i benefici ottenuti nel trattamento dell’eczema e del prurito ricorrente, anche in zone delicate come quella ano-genitale.

Bisogna evitare di utilizzare questo farmaco come soluzione fai-da-te: non si tratta infatti del rimedio da scegliere autonomamente contro acne, brufoli o irritazioni da depilazione, a meno che non sia stato il medico o il dermatologo ad effettuare la prescrizione. Non bisogna dimenticare che trattandosi di un farmaco antibiotico e cortisonico a tutti gli effetti, può avere delle controindicazioni anche serie.

GentalynBeta

Come si usa una crema come la Gentalyn Beta?

Il suo utilizzo è estremamente semplice ed immediato,  grazie all’assorbimento dei principi attivi per via cutanea. L’efficacia terapeutica si unisce in tal modo anche alla riduzione degli effetti collaterali, maggiormente avvertiti nel caso di terapie orali. In genere si prescrive l’applicazione di Gentalyn Beta per 2-3 volte al giorno sulla zona da trattare, con pronta remissione della sintomatologia in atto. E’ sufficiente spalmare un leggero strato di crema sull’area interessata e lasciare che agisca. In casi più complicati, è possibile incrementare l’assorbimento dei due principi attivi nella cute ricorrendo al bendaggio occlusivo.

Avvertenze

Come per tutti i medicinali, durante il suo utilizzo è sempre necessario seguire alcune avvertenze. Alcuni suoi componenti, infatti, possono provocare reazioni allergiche locali. In più, se usata in modo scorretto, la crema potrebbe facilitare la diffusione di ceppi microbici resistenti alla comune terapia antibiotica, andando così ad aggravare il decorso clinico della patologia da trattare.

E’ inoltre opportuno valutarne attentamente l’utilizzo, sia in relazione ai soggetti, che alle necessità ed ai tempi. In particolare, in età pediatrica (vista la maggiore sensibilità alle variazioni ormonali), così come durante la gravidanza e l’allattamento, la terapia con Gentalyn Beta deve avvenire sempre sotto stretto controllo medico e per periodi di tempo limitati. Si consiglia un dosaggio ristretto e monitorato anche in caso di pazienti affetti da patologie renali, muscolo-scheletriche e uditivo-vestibolari. In linea generale, è opportuno evitare l’uso prolungato del farmaco, soprattutto se effettuato con la tecnica del bendaggio occlusivo: si rischiano, infatti, reazioni dermatologiche da ipersensibilità, che possono essere anche gravi.

Check Also

protesi-mini-invasive

Le protesi mini invasive

Circa il 30% degli italiani soffre di problemi all’articolazione dell’anca e del ginocchio. Sino a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.