Home / Benessere / Come raccogliere, essiccare e conservare le erbe

Come raccogliere, essiccare e conservare le erbe

Guida alla raccolta, essiccazione e conservazione di erbe

Le erbe o le piante migliori sono quelle che crescono lontane dall’abitato, cioè in aperta campagna, in montagna, nei prati. Le erbe che crescono nel loro ambiente naturale, sono ricche di principi attivi e poco inquinate. Sarebbe opportuno evitare di raccogliere esemplari vicino alle strade, fognature, scarichi, zone agricole.

Ogni droga, cioè la parte della piante che viene utilizzata a scopo medicamentoso, ha un suo “TEMPO BALSAMICO” di raccolta, che corrisponde al periodo dell’anno in cui la droga è più ricca di sostanze utili.

Il tempo balsamico è legato al ciclo vegetativo di ciascuna pianta, dipende da tanti fattori ambientali, climatici, meteorologici ed è variabile da zona a zona e da annata ad annata.

In generale, tenere conto dei seguenti tempi:

GENNAIO: Bergamotto.

FEBBRAIO: Abete bianco, rosso, carrubo, cipresso.

MARZO: Asparago, bosso, cappero, faggio, genziana, margheritina, faggio, olivo, olmo, pesco, pioppo, prugno, quercia, salice rosso, viola mammola.

APRILE: Acero, agrifoglio, betulla, biancospino, calendula, carciofo, castagno, crescione, fico d’india, fragola, frassino, larice, noce, ontano, ortica, tarassaco, tiglio, valeriana.

MAGGIO: Acetosella, aglio, altea, camomilla, ciliegio, edera, fico, finocchio, fiordaliso, prezzemolo, sambuco, sedano.

GIUGNO: Bocca di leone, borragine, caprifoglio, dragoncello, eucalipto, lampone, malva, mirtillo, mirto, ortica, pesco, rosmarino, ruta, salvia, timo, veronica.

LUGLIO: Achillea, alloro, arnica, assenzio, bardana, basilico, capelvenere, carciofo, carota, cetriolo, cicoria, cumino, iperico, lavanda, melissa, menta, origano, ribes, senape, verbena, tiglio.

AGOSTO: aglio, anice, cipolla, coriandolo, anice, lino, luppolo, maggiorana, melanzana, peperoncino, verga d’oro, vite.

SETTEMBRE: Aneto, angelica, arnica, pungitopo, zucca.

OTTOBRE: Acetosa, asparago, limone, liquirizia, pioppo, zafferano.

NOVEMBRE: Agrifoglio, nespolo.

DICEMBRE: Arancio dolce e amaro.

Il mattino è il periodo migliore della giornata per raccogliere erbe, le giornate più adatte sono quelle asciutte e ventose, l’assenza di rugiada è una cosa molto importante perché le parti vegetali umide e bagnate possono deteriorarsi e marcire rapidamente già tra la raccolta e l’essicazione. Anche il terreno deve essere poco bagnato per la raccolta di radici, rizomi, tuberi, bulbi, ecc…

Le RADICI, i RIZOMI, i TUBERI, i BULBI , si raccolgono quando la pianta è a riposo, nel tardo autunno, dopo che la parte aerea si è disseccata, o all’inizio della primavera prima che ricominci a vegetare. Vanno ripulite dal terriccio.

Per le CORTECCE si raccolgono in primavera quando i rami sono ricchi di linfa, il che, tra l’altro, favorisce il distacco della corteccia.

Le FOGLIE si raccolgono in primavera inoltrata, quando si sono sviluppate completamente.

Le GEMME si raccolgono all’inizio della primavera appena prima che si schiudano.

Le ERBE si raccolgono prima o durante la fioritura.

I FIORI si raccolgono quando non sono ancora completamente sbocciati.

I FRUTTI si raccolgono quando sono ben maturi; per quelli polposi il grado di maturazione deve essere tale da non compromettere l’integrità durante il trasporto.

I semi si raccolgono poco prima che la pianta li lasci cadere spontaneamente. Si possono isolare dalle altre parti della pianta per setacciatura.

Per raccogliere le erbe non utilizzare sacchetti di plastica che non fanno respirare le erbe e le fanno schiacciare.

Nel raccogliere le erbe evitare di mescolarle.

ESSICAZIONE DELLE ERBE

L’essicazione delle erbe in generale si effettua disponendo la droga in strato sottile su telai a graticcio. Deve essere fatta in luoghi asciutti o ventilati, per lo più al riparo dalla luce del sole diretta, in ambienti puliti e lontano dallo smog.

Per chi vive in città e non può farla essiccare sul balcone, esiste anche una soluzione interna, economica e pratica. Infatti prendendo un essiccatore (su Amazon il migliore costa circa 50 euro) potrete fare tutto a casa vostra in poche ore.

essiccatore interno

Tornando all’essiccazione classica, le radici possono essere esposte al calore del sole, dopo averle accuratamente lavate.

L’operazione di essicazione può procedere anche per 15-20 giorni, avendo cura di rivoltare di tanto in tanto le parti da essiccare. I frutti carnosi devono raggiungere una consistenza gommosa che denota la quasi completa perdita di acqua.

CONSERVAZIONE DELLE ERBE

Le erbe raccolte vanno consumate entro l’anno.

Si pongono in vasetti di vetro o sacchetti di carta, conservati sempre al buio

Come conservare e congelare le erbe aromatiche in freezer

Ricordiamo che non tutte le aromatiche si possono congelare. Quelle più adatte al congelamento sono le erbe con stelo morbido come il basilico o l’erba cipollina ed il levistico.

Dopo il lavaggio asciugateli bene, potete utilizzare un canovaccio pulito. Staccate le foglie e mettetele in un sacchetto freezer.

Etichettate scrivendo il nome e la data. Riponete il tutto nel congelatore.

Da questo momento avrete tre mesi per consumarlo.Le vostre erbe rimarranno profumate e saporite come nel momento della raccolta.

Come conservare e congelare le erbe aromatiche sottolio

Prima cosa procurarsi un olio di ottima qualità. Il luogo candidato per ospitare le vostre erbe sottolio deve essere fresco e al buio. La conservazione sott’olio vi garantirà un buona riserva di olio aromatizzato per alcuni mesi.

Prendetevi una bella bottiglia di vetro ed inserite le erbe, in quanto è anche molto bella da esporre in cucina. Otterrete in pochi giorni un olio profumato che potrete utilizzare per aromatizzare qualsiasi piatto.

Avete mai provato la carne condita con olio aromatizzato al rosmarino e ginepro? Fantastica!

Approfondire l’argomento

Esiste un libro considerato uno dei libri di riferimento per la raccolta, essiccazione e cucina delle erbe.

Stiamo parlando del libro di Meret Bissegger chiamato “La mia cucina con le piante selvatiche. Riconoscere, raccogliere e cucinare le erbe spontanee”

Ve lo consiglio per iniziare davvero a fare sul serio

raccogliere riconoscere essiccare erbe

Check Also

opinioni-crema-skinlabo

Recensione e opinioni della nuova crema Skinlabo anticellulite

Contents1 Skinlabo anticellulite: la recensione2 La Crema Skinlabo è un prodotto 100% italiano3 Modalità di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.