Home / Salute / Acne

Acne

RIMEDI ACNEACNE: COSA E’?

L’acne (dal termine greco che significa “fioritura”) è un’infiammazione della pelle che colpisce in particolare il viso e il tronco ed è caratterizzata da un aumento dell’attività delle ghiandole sebacee. Di conseguenza si formano tappi di sebo (grasso) che ostruiscono il dotto pilifero, con altre sostanze, questo sebo provoca la comparsa di comedoni (punti neri), sotto la pelle si formano piccole cisti e il sebo non riesce più ad uscire. Inoltre, all’interno della ghiandola sebacea infiammata, possono penetrare microrganismi che possono infettare il comedone, altri batteri producono il pus. Sulla pelle compaiono foruncoli dal colore rossastro, papule, che alla sommità presentano una caratteristica punta giallastra. La produzione di sebo è normalmente più alta nell’uomo e decresce nella donna dopo la menopausa, nei maschi rimane alta anche dopo i 70 anni di età. La secrezione sebacea è controllata dal sistema endocrino, viene stimolata dagli ormoni androgeni prodotti dalle gonadi e dal surrene il più importante di questi è il testosterone, questo giunto nella ghiandola sebacea, viene rapidamente trasformato in diidrotestosterone che penetra nel nucleo della cellula stessa inducendo la sintesi di proteine capaci di stimolare il trofismo e la secrezione della cellula.

CAUSE

In genere l’acne può partire verso i 12 anni (periodo puberale) e persistere fino ai 18-20 anni. A volte può scomparire per un breve periodo e poi ritornare, scomparendo definitivamente solo verso i 30 anni. Compare soprattutto in primavera e autunno. Le cause possono essere: ereditarietà, stress, cisti alle ovaie, farmaci, errata alimentazione, cosmetici sbagliati, inquinanti atmosferici, climi caldo umidi, stress emotivi (forse per un aumento dell’attività surrenalica). L’ereditarietà è più che altro una predisposizione familiare.

Possono esserci anche tipi di acne derivate da agenti esterni come casi particolari di esposizione ad oli lubrificanti, catrami, assunzione di farmaci anticonvulsivi, antitubercolari corticosteroidi, testosterone, anabolizzanti in genere.

SOLUZIONI

Avere una dieta equilibrata e integrando laddove abbiamo delle carenze nutrizionali.

Qualche successo è riportato dall’impiego della fototerapia con luce blu, rossa o policromatica.

La lampada abbronzante va evitata perché anche se all’inizio la situazione sembra migliorare, il calore favorisce la produzione di sudore che si mescola al sebo occludendo i pori e peggiorando la situazione.

Semplici regole d’igiene quotidiana: vedi dermocosmesi

acne
acne

 

EFELIDI, LENTIGGINI, MACCHIE

Le lentiggini sono di colore scuro, caratterizzate da una forma prevalentemente circolare e liscia, sono distribuite su tutto il corpo. Compaiono durante l’infanzia, possono aumentare o diminuire nel corso degli anni e sono dovute ad un aumento del numero dei melanociti (le cellule che producono la melanina, pigmento responsabile della colorazione della pelle). Non sono influenzate dall’esposizione ai raggi del sole.

Le efelidi sono di colore bruno chiaro, forma irregolare e sono localizzate prevalentemente sulla fronte, naso, zigomi e décolleté. Sono molto sensibili all’esposizione solare e infatti nel periodo estivo tendono a diventare più scure e grandi. Compaiono verso i cinque anni nella maggior parte dei casi a persone con capelli rossi o biondi e sono ereditarie. Alla loro origine c’è una disfunzione dei melanosomi che invece di essere puntiformi hanno forma allungata e contengono più melanina di altri.

Le macchie della pelle possono avere varie origini, è sempre bene consultare un valido dermatologo. In linea di massima si consiglia di:

– evitare l’esposizione al sole o alle lampade solari,

– costante fotoprotezione,

– dove e quando è possibile sospendere o sostituire alcuni farmaci che potrebbero indurre iperpigmentazione come alcuni antistaminici, tetracicline o la pillola anticoncezionale ad esempio (sostituirli o eliminarli solo dopo aver consultato il medico!)

Attenzione perché spesso anche l’uso di profumo o prodotti a base alcoolica possono dopo l’esposizione solare lasciare macchie su vestiti ma anche sulla pelle!

Nei casi più gravi con la consulenza di un dermatologo si può pensare a una terapia laser, con acido glicolico o retinoico, azoto liquido, esfoliazione tramite peeling a base di fenolo o altri tipi di dermoabrasione che spesso comunque non danno risultati definitivi e non sono privi di effetti collaterali infiammatori.

Alcuni rimedi naturali per attenuare le macchie della pelle, in particolare le efelidi:

CALENDULA – Buone sono le creme alla calendula, che si possono fare anche in casa centrifugando gli steli freschi della pianta. Bisogna applicarla sulle macchie 3-4 volte al giorno.

ERICA – Fate un DECOTTO con 5 pizzichi di fiori di erica o asfodelo in mezzo litro di acqua piovana o distillata, e passatelo sulle lentiggini, ha il potere di attenuarle.

ALCHEMILLA – Per attenuare il colore delle lentiggini fare degli sciacqui con il succo spremuto delle foglie.

GENZIANA – Lavare con molta cura la pelle cosparsa di lentiggini con l’infuso di radice tiepido e lasciare agire per 15-20 minuti circa. INFUSO: versare una tazza d’acqua bollente sopra un cucchiaino di radice sminuzzata finemente; lasciare in infusione per 10 min e filtrare.

TARASSACO – Fare lavaggi nelle zone interessate con l’infuso dei fiori; ottimo anche per la pelle giallastra. INFUSO: portare a bollore un litro d’acqua, togliere dal fuoco e mettere a macerare 25 g di foglie. Lasciare raffreddare, quindi filtrare.

Check Also

tiralatte elettrico

Il Tiralatte Elettrico, consigli utili prima dell’acquisto

Contents1 Un valido aiuto per le mamme: il tiralatte2 Cos’è il tiralatte?3 Perché e’ utile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.